Falegnameria Tiburtina

Questa scheda è stata visualizzata 90 volte

Tra i mestieri artigianali, quello del falegname è indubbiamente uno dei più antichi e ancora oggi molto apprezzati. Dopo un periodo di calo, dovuto alla crisi economica e all’evoluzione dei mercati, oggi il mestiere di falegname sta tornando velocemente in auge, complice anche un rinnovato modo di intendere questa professione, che conserva le sue tradizioni ma al tempo stesso ha capito come unirle alla professionalità richiesta oggi. Nonostante le nuove tecnologie e la digitalizzazione, dunque, il falegname resiste e anzi trova nuove occasioni. Vediamo dunque chi è il falegname, cosa fa, come diventarlo e quanto guadagna    Il falegname è il professionista che lavora il legno, e che sa come plasmarlo secondo il suo volere. Di fatto, questo materiale non ha segreti per lui, il falegname sa come lavorarlo, come riparare qualsiasi cosa in legno, e ovviamente come creare e come modellare nuovi mobili o componenti di arredo. Si tratta di una figura professionale che oggi deve vantare diverse frecce al suo arco, non deve avere solo una consolidata esperienza sul campo ed una manualità fuori dal comune, ma anche diverse competenze in progettistica, matematica e disegno, una spruzzata di creatività e ovviamente una specializzazione precisa.

La qualifica dell’artigiano lo ha reso un progettista Falegnameria Tiburtina

Essendo la falegnameria, o carpenteria, una disciplina molto vasta, oggi è spesso richiesto l’intervento di un falegname specialista in una delle tante  lavorazioni richieste in questo settore. In pratica, è molto difficile che oggi esistano dei tuttofare  Il falegname ripara, modella e crea. I compiti che fanno parte di questa professione sono molteplici, il suo intervento potrebbe per esempio essere richiesto da un cliente che necessita della riparazione di un infisso, di una porta, di una parte del tetto, quella in legno ovviamente, o di un mobile più o meno complesso. Inoltre, al falegname viene anche richiesta la creazione di modelli in legno su misura che possono avere diverse funzioni, possono servire come pezzi di ricambio per un mobile, come trave per i tetti, o come specifiche creazioni per progetti e disegni tecnici. Tra le sue principali responsabilità troviamo la costruzione e riparazione dei mobili. Il falegname prende in consegna un progetto tecnico e studia come realizzarlo nel concreto, consultandosi con il cliente e procedendo alla realizzazione di un mobile o di una componente in legno in base alle sue specifiche direttive. In certi casi, è lui stesso a creare il disegno di suo pugno. Il falegname si occupa di ogni aspetto del progetto, intaglia e realizza i singoli pezzi, li assembla, si occupa degli incastri e dell’incollatura, e alla fine sbozza il tutto rifinendo il mobile.

Realizzatore di una opera d’arte per aver creato dal disegno   Falegnameria Tiburtina

In realtà il falegname ha tanti altri compiti, che possono variare in base alla specializzazione. Come ti abbiamo già anticipato poco sopra, oggi il mercato richiede l’intervento di falegnami specializzati, ognuno con le sue qualità e competenze. Ogni falegname ha il suo legno ed i suoi compiti. Oggi esistono diverse specializzazioni per i falegnami, retaggio delle tradizioni ma anche frutto delle esigenze del nuovo mercato. Ci sono i falegnami ebanisti che si occupano soprattutto della lavorazione del legname prezioso, come l’ebano e che vengono richiesti in modo particolare nel campo dell’arredamento e dell’interior design, dunque in ambito creativo. Allo stesso ambito appartiene l’intarsiatore, che invece si occupa della decorazione delle componenti in legno. Poi possiamo trovare il restauratore, che invece si occupa della lavorazione di mobili antichi, riportandoli a brillare e cancellando le tracce del tempo.

Tel: 0645548090

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*