Addominoplastica Tiburtina

Questa scheda è stata visualizzata 40 volte

L’ Addominoplastica Tiburtina  è un intervento chirurgico che ha lo scopo di rimodellare una parete addominale rilassata, rimuovendo tutta la cute e il grasso in eccesso.

L’obiettivo è migliorare l’aspetto della pancia e cancellarne gli inestetismi.  Questo tipo di chirurgia dell’addome, oltre alla rimozione di adipe, di tessuto sotto l’ombelico e al lifting dell’addome con riposizionamento dell’ombelico, permette anche la correzione di un’eventuale diastasi dei muscoli addominali. L’addominoplastica spesso si associa a una liposuzione del tessuto adiposo in eccesso nelle aree limitrofe e, qualora siano presenti ernie o laparoceli  opererà in collaborazione con il chirurgo generale.

Per questa ragione è fondamentale scegliere una professionista in grado di valutare l’entità dell’intervento e di donare alla parte inferiore e superiore del tuo addome una linea equilibrata, nonché una perfetta contenzione dei muscoli della parete addominale.

La titolare dell’intervento  è specializzata in chirurgia plastica ricostruttiva ed Estetica a Firenze dal 2002 e saprà aiutarti grazie a una grande esperienza che le ha permesso di lavorare come chirurgo plastico con i colleghi chirurghi generali che si occupano di obesità, operando i pazienti ex obesi.

Che cosa è, invece, la mini addominoplastica  La mini addominoplastica è un tipo di operazione più semplice rispetto all’addominoplastica completa all’addome. Dura, infatti, circa 30 minuti ed è consigliata a chi presenta un accumulo cutaneo esclusivamente sotto l’ombelico e nei casi in cui – a causa di un cesareo – si abbia una cicatrice o un piccolo eccesso cutaneo addominale da migliorare.

Per questo motivo prevedono tempi molto più rapidi con interventi in anestesia locale in regime di day hospital e un recupero totale in circa sette giorni. Se associata alla correzione della diastasi dei muscoli retti addominali, è un intervento più impegnativo poiché prevede lo scollamento dell’intera parete addominale, esattamente come la comune addominoplastica

intervento di addominoplastica è particolarmente indicato per le donne e gli uomini che hanno subito una perdita di elasticità cutanea, per le donne che hanno affrontato una o più gravidanze, per chi ha subito un dimagrimento veloce e drastico, per chi ha affrontato precedenti interventi nella zona addominale, per chi presenta un noioso accumulo di grasso sulla pancia e per chi non riesce a migliorare attraverso lo sport e una dieta sana.

Oltre alla visita pre-operatoria è fondamentale fare un’ecografia della parete addominale per escludere ernie e valutare la presenza di diastasi dei muscoli retti addominali, fare gli esami tipici come l’EGG, l’emocromo e l’assetto coagulativo, fare l’ecocolordoppler arterioso degli arti inferiori se si ritiene necessario in seguito ad una accurata anamnesi.

Per una corretta gestione della diastasi dei retti, se presente in un addome magro e senza eccesso di cute può essere consigliato un primo ciclo di ginnastica ipopressiva che poi verrà ripreso a distanza di un mese dall’intervento per mantenere il risultato ottenuto chirurgicamente  l’intervento di addominoplastica, lipo addominoplastica, sutura dei retti con miniaddominoplastica dura circa 90 minuti, si esegue in anestesia generale.

A conclusione dell’operazione sarà posizionato un bendaggio elastico con la funzione di comprimere e contenere l’edema e eventuali ematomi e favorire la guarigione.  Si potrà camminare entro 24 ore dall’operazione e per 5-7 giorni si consiglia il riposo assoluto prima di rientrare al lavoro.

Inoltre, per migliorare il risultato accellerando la guarigione, è opportuno usare una panciera elastica per circa 30 giorni. Se è stata eseguita la sutura dei retti è consigliabile imparare le tecniche di ginnastica ipopressiva al fine di mantenere solida la parete muscolare ricostruita chirurgicamente.

Tel: 0645548090

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*